Header Ads

Prova di carattere de Le Puma Bisenzio: vittoria a Pisa 17 - 7

Grande prova di carattere de Le Puma Bisenzio che, pur con un organico ridotto a causa di numerosi infortuni e assenze, riescono ad espugnare il campo del CUS Pisa in una giornata resa ancora più complicata dalle pessime condizioni metereologiche.

 

Non inizia bene la giornata delle fiorentine che già prima della partita sono costrette a rinunciare anche a Fineschi (infortunio alla schiena), costringendo il tecnico Cirri a ridisegnare per l'ennesima volta il reparto arretrato con l'inserimento della spagnola Sevilla, al suo esordio assoluto, dal primo minuto con Giovannoni che subentra in panchina.
La partita inizia con Le Puma in attacco, ma il gioco è frammentario ed un paio di placcaggi ben assestati da entrambe le parti, costringono l'arbitro ad interrompere il gioco più volte per consentire l'ingresso del medico. Per circa un quarto d'ora le ospiti mantengono il pallino del gioco, ma è una supremazia piuttosto sterile ed il primo vero brivido lo causano le pisane che recuperano un pallone nei loro 22m e spostandolo rapidamente trovano al largo lo spazio da attaccare, risalendo rapidamente il campo ed è solo il provvidenziale intervento di Barbagli che evita una segnatura praticamente certa.

Le Puma si scuotono e cominciano a far fruttare la propria superiorità in mischia ordinata, dopo una serie di ripartenze che mettono in difficoltà la difesa delle padrone di casa è il mediano Santini che si infila nello strettissimo spazio lasciato sguarnito sul lato chiuso e segna la meta del vantaggio. Non arriva però trasformazione di Di Vitantonio.
La reazione delle ragazze del CUS è veemente. Gradualmente le padrone di casa prendono il controllo del breakdown e pur sotto una pioggia costantemente battente provano a muovere il pallone nello spazio. Al 30° arriva così la metà delle Linci, che sfruttano l'incerta difesa al largo delle ospiti e mandano la propria ala in meta alla bandierina, infilando poi anche una difficilissima trasformazione, per il momentaneo 7 – 5. 

La partita sembra aver preso un piega sfavorevole per Le Puma che però reagiscono con orgoglio e si gettano all’attacco conquistando, in rapida successione alcuni calci di punizione e riprendendo a tessere la propria trama offensiva fatta di ripartenze continue vicino al punto d'incontro. Al 34° l'ennesimo pallone perso vicino alla linea di meta si trasforma però in un'occasione, quando il calcio di liberazione dell'ala pisana viene intercettato da Magro e termina nelle mani del capitano Bitossi che pur placcata riesce ad allungarsi e schiacciare in meta. Ancora una volta non c'è la trasformazione e le squadre vanno a riposo sul 10 – 7 per Le Puma.

All'intervallo Cirri è costretto a sostituire con Angiovini una stremata Vilaplana, che spostata a 1° centro è stata placcata duramente più volte e fatica anche a stare in piedi, mentre Stefani prende il posto di Tuci e Carrabba entra per Bruscoli e dopo cinque minuti nella ripresa anche Poli è costretta a lasciare il campo, sostituita da Giovannoni.
Nella prima parte della ripresa è il Pisa ad attaccare furiosamente con Barbagli, Cinquina e Carrabba che tamponano al largo una difesa sempre più sotto pressione, mentre Cirri cerca risorse ed energie nella panchina con Giusti e l'esordiente Garuglieri che subentrano per le stremate Novelli e Guerrini.
A metà tempo però le energie delle Linci sembrano esaurirsi ed ancorandosi alla mischia gradualmente Le Puma si insediano nella metà campo avversaria. Per due volte vanno a segno con Stefani e Cinquina, ma in entrambi i casi l'arbitro non convalida la segnatura. A complicare le le cose un fallo di Stefani al 71° viene punito con il cartellino giallo, che obbliga le ospiti a concludere il match in 14.

I calci di Di Vitantonio permettono alle fiorentine di rimanere nella metà campo avversaria ed è proprio sull'ultima azione che l'ennesimo raccogli e vai insistito permette di creare uno spazio al largo abilmente sfruttato da Magro che mette a segno la meta della sicurezza. Questa volta arriva anche la trasformazione di Di Vitantonio con l'arbitro che sotto una pioggia torrenziale manda le squadre negli spogliatoi, sancendo la vittoria de Le Puma per 17 – 7. 

Queste le parole del tecnico Cirri alla fine del match: “Certamente non è stata una bella partita, scontiamo un numero di assenze ed infortuni davvero troppo elevato, è difficile trovare ogni domenica soluzioni tattiche diverse: oggi ci siamo dovuti praticamente inventare il reparto dei ¾. Faccio i miei complimenti al CUS Pisa, squadra che continua a crescere e migliorare ed oggi ci ha messo in costante difficoltà. Voglio, però, complimentarmi anche con le mie ragazze che hanno mostrato grande carattere, giocando fino all'80° minuto con la voglia di vincere questa partita, superando le infinite difficoltà di questa giornata: dalla pioggia torrenziale al cartellino giallo, agli spostamenti di ruolo. Oggi era importante vincere e ci siamo riusciti, per il resto sappiamo che dobbiamo lavorare ancora moltissimo e provare a migliorarci ogni domenica.”

CUS PISA RUGBY - LE PUMA BISENZIO RUGBY = 7 - 17

Le Puma Bisenzio: 15 Barbagli, 14 Cinquina, 13 Vilaplana (40' Angiovini), 12 Sevilla, 11 Bruscoli (40' Carrabba), 10 Di Vitantonio, 9 Santini, 8 Massellucci, 7 Novelli (55' Giusti), 6 Magro, 5 Tuci (40' Stefani), 4 Bitossi (Cap), 3 Guerrini (62' Garuglieri), 2 Longaron, 1 Poli (47' Giovannoni).
A disposizione: 17 Menicacci, 23 Cecere - All. Cirri

Tabellino:
18' mt Santini (0 - 5), 30° mt Pisa + trasf. (7 - 5), 34' mt. Bitossi (7 - 10), 80' mt. Magro + trasf. Di Vitantonio (7 - 17)

Woman Of The Match: Santini (Le Puma)

Nessun commento

Powered by Blogger.