Header Ads

La mischia non basta, Le Puma sconfitte a Bologna 53 - 3

Inizia con una sconfitta il 2018 de Le Puma Bisenzio. Sul terreno del Centro Sportivo Dozza le ragazze di coach Cirri sono state sconfitte 53 - 5 dalle Fenici del Rugby Bologna 1928, seconda forza del campionato.


Si sapeva che le bolognesi avessero una cilindrata superiore rispetto alle fiorentine,  altra forza e sostanza soprattuto in termini di gestione del pallone e utilizzo degli spazi, ma nonostante il punteggio finale le fiorentine si sono battute al meglio delle loro posssibilità sfiorando la segnatura con Guerrini nel 1° tempo e trovando la meta dell'orgoglio con Fineschi all'inizio della ripresa, dopo una bella prova di forza di tutto il pacchetto di mischia.

Le Fenici non hanno lasciato nulla al caso anche nell'utilizzo della panchina ed i timori della vigilia, sulla difficoltà degli ultimi venti minuti del match si sono puntualmente materializzate. Le Puma tornano così con una sconfitta da Bologna col rammarico, ma anche con la consapevolezza, di aver retto per un’ora all’onda d’urto bolognese, grazie soprattutto alla forza del pacchetto di mischia ed alla volontà di tutte le ragazze di sacrificarsi in difesa. Poi, negli ultimi 20 minuti, con le avversarie che al largo sono state capaci di andare sempre oltre la zona di collisione e brave a mantenere il possesso dell’ovale, Le Puma hanno ceduto subendo tre mete in dieci minuti finendo senza energie fisiche sufficienti ad arginare le bolognesi che hanno continuato ad attaccare e segnare fino all'ultimo minuto.

Il match, o almeno la prima ora di match, è stato certamente influenzato dalla disciplina delle due squadre, con Le Puma sempre efficaci in mischia ordinata ma in difficoltà nel guadagnare territorio al largo, pur con Cinquina in grado di vincere spesso la battaglia fisica con la difesa avversaria e Vilaplana che schierata all'ala si è resa protagonista di un paio di pregevoli azioni personali. Alla lunga Le Fenici sono venute fuori per una miglior condizione fisica ed esperienza, ma è innegabile che sia sotto il profilo fisico che quello tecnico-tattico siano stati fatti grossi passi avanti rispetto alla partita di andata nella quale Le Puma avevano subito una severa lezione (0 - 77) ed erano rimaste in partita per meno di 20 minuti. Buono l'esordio delle due tutorate, con Harvey in campo per 40 minuti all'ala che si è resa protagonista di un paio di buoni interventi difensivi e Mommi che dopo qualche difficoltà iniziale è riuscita a guidare la mischia da tallonatore nella parte finale del match. 

Lorenzo Cirri allenatore delle toscane, si è detto soddisfatto della prova del suo XV, soprattuto per quanto riguarda l'attitudine al gioco e la qualità del lavoro di mischia che specialmente sulle fasi statiche sta dando risultati consistenti, ma per poter vincere con una squadra come Bologna, mancano ancora un po' di qualità nel gioco nello spazio sia in attacco che in difesa, una condizione atletica migliore ed una panchina capace di coprire tutti i ruoli mantendo inalterata l'intensità e la qualità del gioco. 

Queste le sue parole al termine della partita: "Credo che rispetto alla partita di andata questa squadra abbia mostrato grandi progressi. Oggi abbiamo incontrato una squadra molto veloce e aggressiva ed è stato complicato trasformare in punti i palloni guadagnati dalla nostra mischia. Purtroppo alcune giocatrici non si sono allenate molto in questo periodo e abbiamo certamente pagato la stanchezza nella parte finale del match. Nonostante il risultato siamo convinti di lavorare nella giusta direzione e non lo dico per giustificare le nostre sconfitte. 
 Siamo un gruppo in crescita, anche se purtroppo la scarsità di numeri non ci permette di avere maggiore competizione per il posto in squadra, ma sappiamo che la qualità del nostro lavoro sta progredendo. Sappiamo dove vogliamo andare e siamo focalizzati su questo obiettivo. Stiamo provando a trasferire in partita tutto quello che facciamo in allenamento. Oggi c'è stata una grande partita della nostra mischia e questo ha dato fiducia a tutta la squadra.  
Dall'inizio dell'anno stiamo lavorando in maniera diversa rispetto al passato, adottando una nuova cultura di collaborazione con le squadre tutorate, perchè il loro apporto è fondamentale per la riuscita di questo progetto. Senza numeri è molto difficile creare qualità”.

Domenica prossima ci sarà un'altra partita molto impegnativa per Le Puma, alla Bisenzio Arena arriveranno infatti le ragazze del Frascati, attualmente terze in classifica che schiereranno ben tre azzurre in campo, ma l'obiettivo de Le Puma non cambia: migliorare la qualità del proprio gioco in attacco ed in difesa e rimanere in partita il più a lungo possibile, cercando di portare a casa almeno un punto di bonus.

LE FENICI RUGBY BOLOGNA 1928 - LE PUMA BISENZIO RUGBY = 53 - 5
Le Puma: 15 Barbagli, 14 Vilaplana (63' Bruscoli), 13 Di Tizio, 12 Cinquina, 11 Carrabba 40' Harvey), 10 Di Vitantonio, 9 Santini, 8 Fineschi (53' Massellucci), 7 Novelli, 6 Angiovini (Mommi), 5 Tuci, 4 Bitossi (cap), 3 Guerrini, 2 Longaron, 1 Poli (65' Menicacci).
A disposizione: 19 Magro, 20 Cenni, 21 Bazzani - All. Cirri

Tabellino:
9' mt Bologna (5 - 0), 14' cp Bologna (8 - 0), 21' mt + trasf. Bologna (15 - 0), 40' mt Bologna (20 - 0), 52' mt Fineschi (20 - 5), 56' mt mt + trasf. Bologna (27 - 5), 63' mt + trasf. Bologna (34 - 5), 66' mt + trasf. Bologna (41 - 5), mt + trasf. Bologna (48 - 5), 80' mt Bologna (53 - 5)  

Nessun commento

Powered by Blogger.