Header Ads

Sei Nazioni: ecco cosa ci aspetta nella 4a giornata.

Torna il Sei Nazioni ed in questo fine settimana ci aspetta una 4a giornata che potrebbe già essere decisiva per l'assegnazione del titolo. 
Occhi puntati su Francia - Inghilterra, che arrivano a questo scontro con gli stessi punti in testa alla classifica entrambe con tre vittorie su tre partite disputate. Certamente anche Galles - Italia, che si gioca al Principality Stadium prima della partita degli uomini (con la WRU che si aspetta un record di presenes) ed Irlanda - Scozia presentano spunti molto interessanti.



Francia v Inghilterra
Sabato 10 marzo, 21:00  - Stade des Alpes (Grenoble) 
"Le crunch" come viene chiamata questa partita dai francesi è da sempre una sfida nella sfida. Tutti ricordiamo ancora l'incredibile rimonta inglese dello scorso anno a Twickenham, ma anche la bellissima ed intensissima semifinale di Coppa Del Mondo. Appaiate in test alla classifica con 15 punti e con una sola partita rimasta dopo questo fine settimana, il Grande Slam è all'orizzonte per chi uscirà vincitore dal match di Grenoble, dove ci sarà un pubblico record: la FFR ha annunciato ieri di aver già staccato oltre 16.500 tagliandi. L'Inghilterra è in vantaggio in classifica per la differenza punti di +122, anche se la Francia non è molto indietro con un +104. 
Per entrambe le squadre due prestazioni molto solide nel turno precedente, con Les Bleues che hanno battuto l'Italia 57 - 0 e le Red Roses che hanno ottenuto un solido successo 43 - 8 sulla Scozia. L'anno scorso a Twickenham la Francia era in vantaggio 13 - 0 al termine del primo tempo, ma l'Inghilterra salì letteralmente in cattedra nel secondo tempo non lasciando più nemmeno un pallone alle ospiti ed imponendosi alla fine per 26 - 13.

L'allenatore dell'Inghilterra, Simon Middleton, ha apportato cinque modifiche alla formazione iniziale, con il capitano Sarah Hunter e Rachael Burford che tornano entrambe dall'infortunio e partono dal 1° minuto rispettivamente al n. 8 e al centro (in coppia con Amber Reed, altro cambio). Abigail Dow, autrice di ben sette mete in ​​quattro partite, parte come titolare all'ala mentre Marlie Packer riprende il suo posto da openside flanker. 
Benché consapevole della minaccia che la Francia rappresenta, Middleton non vede l'ora di giocare questa partita: "La Francia è una squadra pericolosa, è fisica e ben organizzata sia in attacco che in difesa", ha dichiarato il coach inglese. "La squadra ha lavorato duro questa settimana, ci siamo preparati molto bene e siamo pronti ed entusiasti di affrontare la Francia. Sappiamo che sarà una partita molto dura allo Stade des Alpes". 


Galles v Italia
Domenica 11 marzo, 12:45 - Principality Stadium (Cardiff) 
L'Italia arriva a Cardiff alla ricerca della prima vittoria del torneo, dopo aver subito una pesante sconfitta dalla Francia nel 3° Round e non sarà una partita facile per le Azzurre, perchè il Galles ce la metterà certamente tutta per tornare alla vittoria, davanti al proprio pubblico, dopo la brutta sconfitta, 35 - 12, subita in Irlanda due settimane fa.
L'allenatore del Galles Rowland Phillips schiererà in campo per la prima volta, dal 1° minuto, Keira Bevan a mediano di mischia e Jazmine Joyce all'ala. Bevan è al rientro dopo un infortunio alla caviglia subito durante l'autunno, mentre Joyce fino alla settimana scorsa era in raduno con la nazionale 7s in preparazione per i Giochi del Commonwealth che si terranno il mese prossimo. Anche Hannah Jones sarà della partita dal 1° minuto, partendo come estremo, mentre Robyn Wilks è un altro dei cambi nella linea dei trequarti insieme a Kerin Lake.

Nonostante i molti nuovi volti della squadra, Phillips è fiducioso che le sue giocatrici possano portare a casa il risultato, sostenendo che la possibilità di giocare al Principality (uno degli stadi più belli del mondo) alimenterà il fuoco delle sue ragazze. "Abbiamo mostrato abbastanza del nostro potenziale, sia nella vittoria che nella sconfitta e questo ci da un sacco di incoraggiamento", ha detto Phillips.
"Possiamo mostrare al pubblico gallese cosa è il rugby femminile, e in particolare quello che le donne del Galles rappresentano come squadra. Spero che potremo farlo domenica. È una grande opportunità per noi (giocare al Principality Stadium) ed è fantastico che la WRU ci abbia dato questa possibilità di giocare nel miglior stadio del mondo. La nostra attenzione deve essere tutta per l'Italia per imporre il nostro gioco nel modo giusto."

Per l'Italia questa e la prossima partita saranno determinanti, per evitare di chiudere il torneo all'ultimo posto come lo scorso anno. 
Elisa Giordano, Valentina Ruzza e Lucia Gai rientrano nella formazione titolare dopo aver recuperato dagli infortuni rimediati contro Inghilterra ed Irlanda. Elisa Giordano subentra n.8 per Giada Franco che rimarrà al suo fianco con la maglia n.6; Ilaria Arrighetti lascia la formazione titolare per rimanere fra le atlete a disposizione di Andrea Di Giandomenico; Valentina Ruzza, seconda linea, e Lucia Gai, pilone, entreranno dal primo minuto rispettivamente per Elisa Pillotti e Michela Merlo, entrambe in panchina.

Andrea Di Giandomenico alla vigilia della partenza per il Galles ha dichiarato: “Il 6 Nazioni esprime un livello altissimo di gioco. Nel torneo non ci sono mai partite facili. Abbiamo affrontato finora alcune tra le squadre più forti al mondo, migliorando la consapevolezza della nostra squadra rispetto al livello tecnico imposto dalla competizione. Ciò ci consente anche di lavorare sulle aree più carenti del nostro gioco. Affrontiamo queste due ultime partite convinti che possiamo fare meglio, rimanendo focalizzati sulla nostra prestazione e consapevoli che avremo di fronte delle avversarie di grande valore". 


Irlanda v Scozia
Domenica 11 marzo, 14:00 - Donnybrook (Dublino)  
Dopo l'impressionante vittoria contro il Galles nella 4a giornata, l'Irlanda ospita la Scozia nell'ultima partita casalinga del torneo, sperando di continuare con lo slancio dell'ultimo turno, e avere la possibilità di ridurre il divario con le squadre che guidano il torneo. Vincendo domenica, l'Irlanda si ritroverebbe in teoria ancora in grado di giocare per il 2° posto. 

L'allenatore Adam Griggs ha inserito la fortissima ala di Leinster, Hannah Tyrrell, nella formazione titolare, insieme a Cliodhna Moloney che partirà come tallonatrice. 
Griggs ritiene che la sua squadra possa andare migliorare ancora rispetto alla partita con il Galles e dichiara di essere fiducioso nel potenziale delle sue giocatrici. "Abbiamo ottenuto una buona vittoria contro il Galles e ci sono alcune cose positive dalle quali possiamo ripartire, siamo in una buona posizione per giocarci le nostre chances nelle ultime due partite. Non ho dubbi che la Scozia cercherà di giocare al massimo domenica pomeriggio, ma se replichiamo la nostra ultima performance e facciamo le piccole cose in modo giusto, sono fiducioso che avremo un esito positivo."

La squadra scozzese è alla disperata ricerca della prima vittoria del Women's Six Nations 2018, ma nonostante le tre sconfitte subite fino ad ora i segnali positivi non mancano. Anche l'Inghilterra nel turno precedente ha dovuto faticare più del previsto per battere una squadra molto determinata. Certamente la Scozia vorrà provare a centrare la vittoria a Dublino, per non arrivare a doversi giocare tutte le chances a Padova la prossima settimana in quello che potrebbe diventare un vero e proprio spareggio per evitare il cucchiaio di legno.


Nessun commento

Powered by Blogger.