Header Ads

Incremento dei numeri ed innalzamento della qualità: anche la Scozia vara nuovi progetti per il rugby femminile

Con la fine del Sei Nazioni molte cose hanno cominciato a muoversi nel mondo ovale femminile con un occhio già alla prossima Coppa Del Mondo del 2021. Australia, Nuova Zelanda, Francia e adesso anche la Scozia hanno varato nuovi progetti di sviluppo per il rugby femminile. 
Dopo aver visto cosa accadrà a breve in Francia, oggi parliamo della Scozia che da questa estate si è affidata, per lo sviluppo del settore femminile, a Gemma Fay, ex giocatrice della nazionale scozzese di calcio già coinvolta nei progetti di sviluppo per il calcio femminile scozzese.


La prima novità riguarda la creazione di due nuovi programmi per l'innalzamento del livello qualitativo delle giocatrici U18 ed U20, che partiranno dal prossimo agosto: "Scottish Futures U18" e "Scottish Futures U20"
Questi due programmi introdurranno, per le giocatrici scozzesi, nuove opportunità di allenamento e possibilità di giocare e confrontandosi con realtà di alto livello. Entrambi i programmi sono rivolti a giocatrici di talento con età giusta e con il potenziale per giocare nella nazionale femminile scozzese in futuro.

Sia per le U18 che per le U20 dal prossimo agosto saranno previsti: 
  • Training camp; 
  • Allenamenti specifici per le skills;
  • Allenamenti specifici di forza e condizionamento; 
  • Assistenza medica e nutrizionale; 
  • Analisi e supporto allo stile di vita;
  • Partite di allenamento (nazionale U20 a 15s e U18 7s). 

Gemma Fay, responsabile dello sviluppo per il rugby femminile scozzese, ha dichiarato: "Man mano che aumentiamo il nostro bacino di giocatrici, è importante offrire alle giovani un'opportunità di crescita per raggiungere il loro massimo potenziale nel rugby. Vogliamo elevare gli standard delle prestazioni del rugby femminile in Scozia nel suo complesso attraverso un maggiore input tecnico, tattico e fisico e creare maggiori opportunità competitive per le giocatrici, che andranno a beneficio del gioco a tutti i livelli. Vogliamo più giocatrici che si divertano con il rugby e aspirino a giocare ai massimi livelli con una maggiore comprensione di ciò che serve e la motivazione a lavorare duramente per arrivarci ".
 
I programmi "Scottish Futures", che sostituiranno l'attuale "Performance Development Program (PDP)",  svilupperanno il percorso che le giocatrici dovranno intraprendere per rappresentare la Scozia, mirando a preparare le giocatrici al passaggio al rugby d'élite senior, aumentando il numero di partite e assicurando che questi programmi siano in linea con i calendari nazionali in modo che le giocatrici possano massimizzare ogni opportunità per giocare a rugby ad alto livello.

Se l'obiettivo principale della SRU è quello di alzare il livello del gioco e la qualità delle giocatrici per creare una nazionale competitiva e partecipare alla prossima Coppa Del Mondo, non meno importante l'idea di aumentare costantemente il numero delle praticanti. 
Proprio in quest'ottica Scottish Rugby e Girlguiding Scotland collaborando, hanno sviluppato un programma per dare la possibilità a più ragazze possibile di divertirsi e mantenere una buona fisica con il rugby. Il nuovo programma chiamato "Guide into Rugby" mira a incoraggiare le ragazze di età compresa tra 10 e 14 anni, molte delle quali potrebbero non aver mai giocato a rugby prima, a provare il Tartan Touch scozzese, una versione divertente e semplificata senza contatto del gioco. Girlguiding Scotland è la principale organizzazione di beneficenza per ragazze e giovani donne nel paese, con 50.000 iscritte tra i 5 ei 25 anni, l'obiettivo della Federazione Scozzese è quello di offrire a migliaia di ragazze l'opportunità di scoprire cosa offre il rugby.

Sarah Law (nazionale scozzese) e sua sorella Rachel (anche lei giocatrice nel giro della nazionale) sono ambasciatrici della partnership ed entrambe membri di Girlguiding Scotland. Sarah Law ha dichiarato: "Crescere come membro di Girlguiding Scotland è stato davvero divertente, quindi è fantastico vedere Girlguiding Scotland lavorare con Scottish Rugby in questo progetto. Ci sono molti valori condivisi tra rugby e Girlguiding come rispetto, sostegno e divertimento - quindi sarà perfetto. Questo è un modo fantastico per far conoscere a più ragazze possibile il rugby e so che tutte quelle coinvolte si divertiranno un mondo a fare i conti con questo gioco ". La partnership si concluderà con un evento finale a Murrayfield, dove si giocherà un grande torneo di rugby touch.

Nessun commento

Powered by Blogger.